Cosa trovate sul blog

Volete sapere chi e come ha inventato gli hamburger?
Come trascorreva le notti Lucrezia Borgia?
Che fine ha fatto Igor Slivovitz?
Cosa accade davvero nel triangolo delle Bermude?
Cosa vede Capitan Feendoos dalla finestra?
Se il Capitano soffre di emorroidi?

Tutto questo e molto di più sul meraviglioso
blog di Capitan Feendoos.

martedì 8 aprile 2008

Elemiro Feendoos, per servirvi

Mi presento: sono il Capitano di lungo corso a riposo Elemiro Feendoos. Mi sono ritirato da poco dall'attività marinara, e dopo una lunga e avventurosa vita in mare ho deciso di godere un meritato riposo nella mia modesta abitazione di campagna. Mi presento a voi: seguo da alcune settimane le vicende dei blog, e ammetto di essere affascinato dalla piacevole fauna che la popola, e ho deciso, a mia volta, di farne uno, auspicando di essere bene accolto da tutti voi, che immagino più giovani e indaffarati di me, ma spero nella vostra benevolenza e comprensione per il prosieguo della mia permanenza. Avendo molto tempo a disposizione, negli ultimi tempi ho trascorso molto tempo davanti al personal computer, una nuova ed emozionante scoperta, per me, e così ho scoperto l'affascinante mondo delle community e dei blog.

Non voglio tediarvi con i racconti della mia avventurosa vita, ma al solo scopo di farmi conoscere meglio da voi, vi racconterò episodi salienti della mia carriera.

Incominciai, come mozzo, poco dopo essere scappato di casa, prendendo il mare nel porto di Genova, e tutta la mia vita si è svolta così, fra una nave e un porto, un porto e una nave.

Il primo bastimento alla cui ciurma mi onoravo di appartenere, il Lever, si occupava della pesca dei bastoncioni di merluzzo panati nei mari del nord. Non vi racconterò, credo nulla di nuovo dicendovi che, per me, quei primi mesi in quelle gelide acque furono un battezzo di cui ho ben impresso nella memoria ogni singolo momento, e di cui i miei reumatismi sono testimoni tutt'altro che silenziosi.

Nei periodi di ferma della pesca, il Lever si arrangiava trasportando sofficioni, che venivano raccolti da manovalanza indigena sugli alberi delle coste di Zanzibar. Il canale di Suez ci consentiva di effettuare ben più di un carico al mese, e tutto sommato le cose non andavano male.

Per oggi mi fermo qui, non voglio essere causa di inopportuna sonnolenza, non appropriata all'orario pomeridiano, ma se avrò modo di sapere essere le mie memorie a voi gradite, non mancherò di narrarvi gli episodi salienti della mia avventurosa vicenda.

Vostro affezionato Elemiro Feendoos.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Bene Comandante bene, è un piacere leggere le sue goderecce avventure.
Ho inserito nei segnalibri il Suo eccelso blog col suo permesso.

Vs Aff.Mo Quinto Fabio Massimo detto il temporeggiatore

leofelix ha detto...

otimo

Anonimo ha detto...

Egregio signor Elemiro, attendo con ansia i resoconti delle Sue notti infiammate con donna Lucrezia e le sue amiche, nonché con le gentili donzelle che popolano gli angiporti (Catullo docet)

sua affezionatissima pulcina

Anonimo ha detto...

Syo giusto aspettando di sapere cosa accade nei bermuda, suoi e di altri.

La curiosità è femmina, questo è certo

Con infiniti ossequi,
suor Gesmunda

Anonimo ha detto...

Capitano...bastoncioni, sofficioni?
una pesca mooolto proficua, dunque, a quanto leggo...:)

le Vs. prime esperienze sono molto interessanti; leggerò nelle lunghe serate tediose e sospirose...:)

Vs. morellina, un inchino:)